Sognando Gundam - 1979 [Netflix]

Sognando Gundam - 1979 [Netflix]

Cosa ci può trovare un “giovane” nella primissima serie di Gundam?

C’è qualcosa che valga davvero la pena di essere visto, aldilà di ogni retorica e con uno sguardo del tutto privo di nostalgia personale ?

Beh, mica ve lo dico ora, se volete saperlo continuate a leggere!

Confessioni Mecha

gundam

Anzitutto le cose scomode:

Storicamente, i robottoni mi fanno cagare.

Insomma, ci sono le solite eccezioni…Evangelion (che però diciamolo, è una faccenda piuttosto diversa), Code Geass (che tuttavia non riguarderei mai e poi mai), Xenogears (che ritengo un’opera d’arte) e forse qualche altro caso che ora non ricordo.

Insomma, personalmente, il concetto di mobile suit o comunque di “omino che pilota il megarobottone antropomorfo colorato” al 90% mi disgusta:

siccome parliamo di Gundam, penso che su questo punto occorra spenderci un intero paragrafo.

Non ho l’etàààààà per amartiiiiiiii

gundam

Noi altri italiani classe ‘89 (e limitrofi) siamo cresciuti in un guazzabuglio fatto da tante epoche animate diverse:

Dall’avvento dei Classici Disney in VHS a Lupin III, passando per lo strapotere di Dragon Ball, i Cavalieri dello Zodiaco, la straordinaria linea editoriale dell’MTV Anime Night o le meravigliose TV locali che trasmettevano tranquillamente Uomo Tigre, Lamù e Kenshiro in barba al MOIGE…

Quel 1979 anagrafico di Gundam, quindi, in realtà non rappresenterebbe poi tutto ‘sto problema.

Ma…avete notato una cosa?

Escludendo gli sporadici Robotech e Yattaman del caso o la moderna serie di Gundam Wing (giunta in Italia solo nel 2001) le serie coi robottoni erano praticamente scomparse dai palinsesti degli anni ‘90.

Pregiudizi

gundam

Non so se i miei gusti siano stati deviati da queste scelte televisive o si parli di una fortunata coincidenza, ma sta di fatto che nel mio cervello Gundam ha sempre rappresentato una roba brutta, pensata a tavolino per vendere modellini di robot ancora più brutti.

…ok, immagino che qualche fanatico stia per bussare alla mia porta armato di G-Cannon, ma sia ben chiaro che scrivo tutto questo preambolo solo per evidenziare la mia totale verginità nel ramo.

Netflix

gundam

In verità l’amico Gatto (non nel senso felino, ma di amico nerd / compagno di viaggio delle mie spedizioni lucchesi) mi ha sempre esortato a concedere alla leggendaria serie una possibilità, più che altro per gli aspetti socio-politici che quest’ultima portò in scena.

Quindi, complice l’avvento della serie ridoppiata e ripulita su Netflix, ho deciso di provare a darci un’occhiata.

Verdetto ?

gundam

Dopo 7 episodi (opinione sempre superficiale, quindi), posso dire che capisco buona parte delle ragioni che hanno reso Gundam un perno fondamentale nella storia dell’animazione nipponica:

Gundam è una serie decisamente matura, a tinte molto più seinen che shonen e con un contesto strutturato e realistico, a differenza di quanto si potrebbe dire (almeno a naso) dei super-robot di Go Nagai:

Per intenderci, sostituendo ambientazione spaziale e mobile suit con la vera Terra e prototipi di “semplici” carri armati, la trama di Gundam resterebbe comunque ottimamente in piedi.

Quindi è bello ?

gundam

Di base, fino a questo punto, sì:

Certo esiste l’esasperazione del dramma che la faceva da padrone nel grosso dell’animazione giapponese degli anni ‘70-‘80 (fattore che a me non dispiace affatto) e l’inevitabile messa in mostra delle funzioni e abilità del Gundam come manco una pubblicità di Giochi Preziosi (e questo invece mi dispiace parecchio) ma nulla di troppo indigesto.

Concludendo

gundam

Sinceramente, conoscendomi, non so se riuscirò a terminarla:

è una serie piuttosto lunga, datata e soprattutto figlia di un genere che alla base non è nelle mie corde, ma avessi meno Serie TV in arretrato penso che me la sarei già sciroppata in allegria.

In generale, mi sento comunque di consigliarne la visione ad ogni potenziale appansionato, magari spaventato da quell’età importante che per chi scrive non ne scalfisce la qualità.


Andrea Xab Corinti

Scritto da

A (web) world citizen.